La Teoria del Gap della Curiosità

la consapevolezza di avere un gap informativo scatena il desiderio di colmarlo.

Molte ricerche sono state fatte a partire dagli anni sessanta sulla curiosità e i fattori che la alimentano.

La curiosità è da sempre riconosciuta come un fattore critico che influenza il comportamento umano sia positivamente che negativamente lungo tutta l’esistenza di una persona: è una delle forze che muovono lo sviluppo in età infantile ed è alla base di qualunque forma di apprendimento scolastico. Inoltre pubblicitari e venditori sfruttano il potere del mistero per suscitare la curiosità dei clienti e sorprenderla con nuovi prodotti e offerte.

Nel 1994, George Loewenstein nel suo “The Psychology of Curiosity: A Review and Reinterpretation” ha fornito un quadro completo sullo stato delle ricerche sul tema della curiosità passando in rassegna i due principali filoni di studio sul tema e aggiungendo un terzo punto di vista da lui battezzato “Teoria del gap della curiosità”.

I primi studi degli anni 60 si concentravano sulla definizione di curiosità e sulle cause sottostanti. Tra gli anni 70 e 80 si cercò invece di misurare la curiosità e darle una dimensionalità cercando una relazione con età, genere, situazione socioeconomica.

Loewenstein aggiunse una terza teoria:

la curiosità nasce quando percepiamo di avere un vuoto nella nostra conoscenza.

Loewenstein sostiene che le lacune causano dolore: quando vogliamo sapere qualcosa ma non lo facciamo, è come avere un prurito che dobbiamo grattare.
Per eliminare il fastidio, dobbiamo colmare il gap di conoscenza.

Un’importante implicazione della teoria del gap della curiosità è che dobbiamo aprire le lacune prima di colmarle.

La nostra tendenza è di descrivere alle persone i fatti ma i nostri interlocutori devono prima rendersi conto di aver bisogno di questi fatti.

La chiave per convincere le persone che hanno bisogno del nostro messaggio e tenere viva la loro curiosità, secondo Loewenstein, è innanzitutto quello di mettere in luce alcune conoscenze specifiche che mancano.

Più una persona diventa consapevole del suo gap informativo e più crescono i suoi sentimenti nel percepire il bisogno di colmare questo divario.

SE VUOI APPROFONDIRE:

“The Psychology of Curiosity: a Review and Reinterpretation” – Psychology Bulletin Vol. 116 N.1 75-98 – George Loewenstein – 1994
“An Information-Gap Theory of Feelings About Uncertainty – Russell Golman & George Loewenstein – 2016

George Loewenstein (1955) è un educatore ed economista americano. Insegna Economia e Psicologia alla Carnegie Mellon University ed direttore del Center for Behavioral Decision Research.

Le sue ricerche sui meccanismi di scelta, i processi decisionali nel tempo, la contrattazione, il ruolo delle emozioni nel processo decisionale, la psicologia della curiosità, il conflitto di interesse, lo qualificano come uno dei padri dell’economia comportamentale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

La Sorpresa attira la nostra Attenzione

Come posso attirare l’attenzione delle persone? E, soprattutto, come posso mantenerla?
Trent’anni dopo Nora Ephron ricorda ancora il primo giorno del suo corso di giornalismo.

Il Potere dei Misteri

Tutti in una certa misura condividiamo il fascino per le storie di mistero e soccombiamo al loro potere.

Come Stimolare l'Attenzione su un Argomento

Come si fa a rendere interessante un match tra Michigan e Ohio State agli spettatori della College Station in Texas? L’intuizione di Roone Alredge appassionò migliaia di nuovi fan.