Lasciamoci Ispirare dalle Storie

la teoria del trasporto narrativo e quella sensazione di perdersi in una storia.

Le storie sono da sempre utilizzate per trasmettere conoscenze, le storie vengono raccontate e raccontate perchè contengono saggezza e permettono di mostrare esempi buoni ed esempi cattivi.

Con le storie si possono illustrare esempi di situazioni in cui le persone sono cadute in errore e hanno preso decisioni sbagliate oppure si possono evidenziare modi inaspettati e pieni di risorse in cui le persone hanno risolto i problemi.

Il potere di una storia è duplice: fornire una simulazione (dando conoscenza su come comportarsi) e trasmettere ispirazione (fornendo una motivazione ad agire).

Romanzi, film, soap opera, testi musicali, storie su giornali, riviste, TV e radio raccolgono molto più facilmente l’attenzione del pubblico rispetto a pubblicità, sermoni, editoriali, cartelloni pubblicitari, e così via.

Il potere delle narrazioni di cambiare le credenze non è mai stato messo in dubbio ed è sempre stato temuto,

questo spiega perchè la censura è stata onnipresente per secoli.

La Teoria del trasporto narrativo

La sensazione di perdersi in una storia è familiare a molte persone.

Perdersi in un romanzo al punto da non accorgersi se una persona entra nella stanza; leggere e leggere perdendo cognizione dello scorrere del tempo è un processo totalizzazione, in cui tutti i sistemi e le capacità mentali si concentrano sugli eventi che si verificano nella narrazione.

La teoria del trasporto narrativo descrive la tendenza dei consumatori narrativi (lettori, ma non solo) a “viaggiare” o essere attratti mentalmente dalla realtà descritta in una narrazione.

Il trasporto narrativo implica un forte senso di assorbimento in una narrazione, comprese le risposte emotive e cognitive al contenuto narrativo. I lettori trasportati possono anche sperimentare immagini mentali vivide.

Il trasporto non si limita alla lettura di materiale scritto. I mondi narrativi sono ampiamente definiti rispetto alla modalità; il termine “lettore” può essere interpretato in modo da includere ascoltatori, spettatori o qualsiasi destinatario di informazioni narrative.

Nella misura in cui gli individui vengono assorbiti in una storia o trasportati in un racconto narrativo, possono portare quanto vissuto nella storia sulle loro credenze nel mondo reale.

SE VUOI APPROFONDIRE:

“Transportation Theory” – Melanie C. Green – 2008
“Experiencing narrative worlds: On the psychological activities of reading.” New Haven, CT: Yale – Gerrig, R. J. – 1993
“The role of transportation in the persuasiveness of public narratives.” Journal of Personality and Social Psychology, 79(5), 701-721 – Green, M. C., & Brock, T. C. – 2000

Melanie C. Green, è una psicologa sociale che ha sviluppato la teoria del trasporto narrativo.

E’ ricercatrice alla Ohio State University dove studia il potere della narrativa di cambiare le credenze, compresi gli effetti delle storie di fantasia sugli atteggiamenti nel mondo reale.

La dottoressa Green ha esaminato la persuasione narrativa in una varietà di contesti, dalla comunicazione sanitaria alle questioni sociali.

Ha curato due libri su questi argomenti (Narrative Impact and Persuasion: Psychological Insights and Perspectives, Second Edition) e ha pubblicato numerosi articoli su importanti riviste di psicologia e comunicazione.

Lettura suggerita (2 minuti): Why Social Science? Because It Helps Us Identify and Combat Misinformation

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

La Maledizione della Conoscenza

Molte strategie sensate espresse da CEO e dirigenti non riescono a guidare l’azione dei propri collaboratori perché spesso vengono formulate in un linguaggio generale, astratto.

La Sorpresa attira la nostra Attenzione

Come posso attirare l’attenzione delle persone? E, soprattutto, come posso mantenerla?
Trent’anni dopo Nora Ephron ricorda ancora il primo giorno del suo corso di giornalismo.

Il Potere dei Misteri

Tutti in una certa misura condividiamo il fascino per le storie di mistero e soccombiamo al loro potere.